Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
©credits

Educare alla libertà ed alla responsabilità per ripensare il modello di sviluppo

Perché la cultura della sostenibilità va costruita, socialmente e culturalmente, e non può essere imposta dall’alto*.

Come sempre, senza “tempi di lettura”

“Ma, alla base del nostro lavoro anche un altro intimo convincimento: che la comunicazione etica, il sapere condiviso e la conoscenza diffusa (open), a livello locale e globale, rappresentino realmente i pre-requisiti fondamentali per la realizzazione del “progetto” […] di una società globale più equa, inclusiva e solidale, che ponga nuovamente alla sua base i “valori” dell’essere umano (Nuovo Umanesimo), la sua educazione, la centralità della Persona e i diritti di cittadinanza globale” (P.Dominici, 1998).

Desidero ripartire proprio dal titolo di questo ebook, In viaggio verso la sostenibilità, che contiene una “figura”, una metafora, particolarmente significativa, oltre che indovinata. Perché di questo si tratta, di un viaggio lungo e complesso che non prevede, non può permettersi, ulteriori “scorciatoie” e, su tutte, quella tradizionale, e più ricorrente, nel nostro contesto storico-culturale di riferimento: quella che individua nel fattore giuridico-normativo e in quello tecnologico le condizioni necessarie (lo sono) e sufficienti per un’innovazione inclusiva (2000) e, appunto, per uno sviluppo sostenibile. Si tratta, contrariamente a questa visione/narrazione tuttora egemone, di un viaggio che deve necessariamente considerare tante variabili, concause e parametri di misura e che comporta la ri-definizione e costruzione sociale delle condizioni strutturali del cambiamento culturale; che richiede, come scrissi molti anni fa, il ripensamento del “contratto sociale” (1998 e sgg.). Per queste ed altre ragioni, la questione educativa e culturale si rivela, ancora una volta, assolutamente strategica. Un obiettivo complesso e, necessariamente, di lungo periodo: ripensare un modello di sviluppo interamente centrato sul consumo – e non sulle Persone e/o il lavoro – che ha mostrato, senza mezze misure, tutte le sue criticità e debolezze strutturali; criticità e debolezze strutturali che hanno fatto avvertire ancor di più l’urgenza di identificare e co-costruire, socialmente e culturalmente, le condizioni abilitanti la crescita di sistemi sociali fondati sulla sostenibilità e, più in generale, sul “principio responsabilità” (Jonas). Temi e questioni di vitale importanza che, oltre a richiedere un approccio sistemico alla (iper)complessità (Dominici, 1996), trovano proprio nell’educazione e nella formazione, nell’urgenza di ripensare i processi educativi, i saperi e gli spazi relazionali e comunicativi, le uniche “leve” in grado di sollevare sistemi sociali sempre più chiusi e sempre più segnati da paure, che ruotano intorno all’eterno dilemma sicurezza vs. libertà, ma anche da profonde disuguaglianze e nuove asimmetrie.

Perché la “vera” innovazione, e il cambiamento culturale che la caratterizza sempre, sono processi complessi, anzi sono ipercomplessità da governare: istruzione, educazione, formazione ne devono (dovrebbero) essere gli assi portanti, non semplici “strumenti” che arrivano a valle dei processi di mutamento per correggere traiettorie e discontinuità inattese e/o imprevedibili. Altrimenti, saremo sempre costretti a rincorrere le accelerazioni dell’innovazione tecnologica e di un sistema-mondo attualmente “progettato” e concepito per esaltare una competizione senza regole e, soprattutto, per non aspettare chi rimane indietro; e soltanto ora ci si comincia a rendere conto di quanto miope e autolesionista sia questa visione e, con essa, le strategie e le politiche che l’accompagnano, a livello locale e globale. Se non correggeremo la rotta, continueremo a rincorrere con pochissime speranze di poter gestire e, allo stesso tempo, metabolizzare i cambiamenti indotti dalla società ipercomplessa e asimmetrica (Dominici, 2005). D’altra parte, mi ripeto, il livello strategico continua ad essere, da sempre, quello riguardante l’educazione (e la formazione) e i processi educativi. Perché sono i fattori sociali e culturali, spesso sottovalutati, ad essere determinanti.

Perché la questione è “culturale” e riguarda, in primo luogo, l’educazione, anche e soprattutto, alla libertà che comporta responsabilità (concetti relazionali, intimamente legati), con tutte le variabili e le sfumature del caso da considerarsi.

Per esempio, ci sarebbe da dire e fare moltissimo in termini di educazione all’empatia! Si tratta, a nostro avviso, di pre-requisiti fondamentali per qualsiasi tipo e “forma” di crescita/sviluppo sostenibile. E, oltre alla cura di alcune fondamentali dimensioni educative (emotiva, sociale, relazionale, etica) i nostri giovani (le nuove generazioni) – fin dai primi anni di scuola – hanno/avranno sempre più bisogno di conoscere, vivere, praticare e applicare la logica (all’università è davvero difficile modificare una forma mentis già strutturata), partendo da una “nuova epistemologia” e da una rinnovata consapevolezza del valore strategico dell’errore e, più in generale, della possibilità di sbagliare; hanno/avranno sempre più un disperato bisogno di un “metodo” (oltre che di un sistema di pensiero) con il quale pensare, ragionare, sintetizzare, individuare correlazioni, dare sistematicità alle tante (troppe?) informazioni ricevute (logica e filosofia come pratiche di consapevolezza).

In altre parole, hanno/avranno sempre più un disperato bisogno di un’educazione e formazione alla complessità e al pensiero critico, che appunto formi ed educhi – quasi “addestri” – ad individuare le connessioni tra i fenomeni e i processi, tra il dentro e il fuori, tra il “tutto” e le “parti”, tra i saperi e la vita vissuta; che metta in condizione, per esempio, di valutare criticamente le origini storico-sociali di norme e modelli culturali, di riflettere e distinguere ciò che è “natura” da ciò che è “cultura” e frutto di convenzione, di riconoscere le continue contaminazioni tra ciò che è “naturale” e ciò che è “artificiale” (dicotomie che andrebbero superate una volta per tutte!); di riconoscere nella diversità e nel pluralismo dei “valori” fondamentali e non dei “pericoli”; di ripensare il nostro rapporto (complesso) con l’ambiente e gli ecosistemi.

In questa linea di discorso, si avverte l’urgenza di ripensare anche la nostra interazione complessa con il mondo degli oggetti e delle cose, con una rinnovata capacità di guardare oltre schemi e modelli tradizionali, oltre quelle che ho definito, in tempi non sospetti, le “false dicotomie” (natura vs. cultura; teoria vs. ricerca/pratica; formazione scientifica vs. formazione umanistica; conoscenze vs. competenze; hard skills vs. soft skills etc.).

Se non lavoreremo a fondo su tali “variabili” fondamentali – evidentemente, anche per ciò che concerne la vecchia questione della formazione dei formatori (a tal proposito, Scuola e Università vanno ripensate e ri-progettate insieme, non come entità separate) – (magari) saremo senz’altro in grado di costruire sistemi ed ecosistemi sostenibili, ma questi saranno abitati e co-costruiti da “individui” che non pensano e agiscono da Persone e Cittadini. Costruire ecosistemi sostenibili, ripensare il “contratto sociale” significa affrontare la sfida della e alla ipercomplessità, una sfida ineludibile che ci chiede, in primo luogo, di ripensare educazione e istruzione, in maniera profonda, radicale.

E, per far questo, occorre ripensare in chiave relazionale anche gli stessi concetti di libertà e responsabilità, ponendo al centro le Persone, gli spazi educativi, relazionali, comunicativi. Può sembrare la più classica delle lotte contro i mulini a vento, ma va portata avanti! Anche e soprattutto perché, lo ribadisco con forza, il cambiamento culturale che il passaggio alla sostenibilità richiede urgentemente, non può e non potrà mai essere imposto dall’alto.

 #CitaregliAutori

 

Riferimenti bibliografici                 

…perché siamo sempre sulle “spalle dei giganti”

AA.VV.(1985), La sfida della complessità, Bocchi G. e Ceruti M. (a cura di), Bruno Mondadori, Milano 2007 .

Arendt h. (1958), The Human Condition, trad.it., Vita activa. La condizione umana, Bompiani, Milano 1964.

Bateson G. (1972), Steps to an ecology of mind, trad.it., Verso un’ecologia della mente, Adelphi, Milano 1976.

Bellamy R., Citizenship. A Very Short Introduction, Oxford University Press, Oxford 2008.

Bertalanffy von L. (1968), General System Theory: Foundations, Development, Applications, trad.it., Teoria generale dei sistemi, Isedi, Milano 1975.

Bobbio N. (1984), Il futuro della democrazia, Einaudi, Torino 1995.

Braidotti R.(2013), The Posthuman, trad.it., Il postumano. La vita oltre l’individuo, oltre la specie, oltre la morte, DeriveApprodi, Roma 2014.

Capra F. (1975), The Tao of Physics, trad.it., Il Tao della fisica, Adelphi, Milano 1982.

Capra F. (1996), The Web of Life, trad.it., La rete della vita. Una nuova visione della natura e della scienza, Rizzoli, Milano 2001.

Ceruti M., Il vincolo e la possibilità, Feltrinelli, Milano 1986.

Ceruti M., Evoluzione senza fondamenti, Laterza, Roma-Bari 1995.

Coleman J.S. (1990), Foundations of Social Theory, trad.it., Fondamenti di teoria sociale, Il Mulino, Bologna 2005.

Dahl R. A.(1998), On Democracy, trad.it., Sulla democrazia, Laterza, Roma-Bari, 2000.

de La Boétie É. (1549-1576), Discorso della servitù volontaria, Feltrinelli, Milano2014.

De Toni A., De Zan G., Il dilemma della complessità, Marsilio, Roma 2015.

Dewey J. (1916), Democracy and Education. An Introduction to the Philosophy of Education, trad.it., Democrazia e educazione. Un’introduzione alla filosofia dell’educazione, La Nuova Italia, Firenze 1992.

Dewey J. (1934), Art as Experience, trad.it., Arte come esperienza e altri scritti, La Nuova Italia, Firenze 1995.

Dewey J. (1925), Experience and Nature, trad.it., Il pragmatismo, UTET, Torino 1970.

Diamond J.(1997), Guns, Germs, and Steel. The Fates of Human Societies, trad.it., Armi, acciaio e malattie. Breve storia del mondo negli ultimi tredicimila anni, Einaudi, Torino 1998 (cfr.ed.2006)

Diamond J. (2005), Collapse.How Societies Choose to Fail or Succeed, trad.it., Collasso. Come le società scelgono di morire o vivere, Einaudi, Torino 2005.

Dominici P. (1996), Per un’etica dei new-media. Elementi per una discussione critica, Firenze Libri Ed., Firenze 1998.

Dominici P., La società dell’irresponsabilità, FrancoAngeli, Milano 2010.

Dominici P.(2005), La comunicazione nella società ipercomplessa. Condividere la conoscenza per governare il mutamento, FrancoAngeli, Milano 2011 (nuova ed.).

Dominici P., Sfera pubblica e società della conoscenza, in AA.VV. (a cura di), Oltre l’individualismo. Comunicazione, nuovi diritti e capitale sociale, Franco Angeli, Milano 2008.

Dominici P., Dentro la società interconnessa. Prospettive etiche per un nuovo ecosistema della comunicazione, FrancoAngeli, Milano 2014.

Dominici P., La modernità complessa tra istanze di emancipazione e derive dell’individualismo, in «Studi di Sociologia», n°3/2014, Vita & Pensiero, Milano 2014.

Dominici P., Communication and Social Production of Knowledge. A new contract for the Society of Individuals, in «Comunicazioni Sociali», n°1/2015, Vita & Pensiero, Milano 2015.

Dominici P., L’anello debole e le reti “fuori” dalla Rete: ripensare la cittadinanza nella Società Interconnessa, in AA.VV., La Rete e il fattore C. Cultura, complessità, collaborazione, Stati Generali dell’Innovazione, Roma 2016.

Dominici P., La filosofia come “dispositivo” di risposta alla società asimmetrica e ipercomplessa, in AA.VV., Il diritto alla filosofia. Quale filosofia nel terzo millennio?, Diogene Multimedia, Bologna 2016.

Dominici P., L’utopia Post-Umanista e la ricerca di un Nuovo Umanesimo per la Società Ipercomplessa, in «Comunicazioni Sociali», n°3/2016, Vita & Pensiero, Milano 2016.

Dominici P. Oltre la libertà di “essere sudditi”, in F.Varanini (a cura di), Corpi, menti, macchine per pensare, Casa della Cultura, Anno 2, numero 4, Milano 2017.

Dominici P.,  The Hypercomplex Society and the Development of a New Global Public Sphere: Elements for a Critical Analysis, in, RAZÓN Y PALABRA, Vol. 21, No.2_97, Abril-junio 2017.

Dominici P., “For an Inclusive Innovation. Healing the fracture between the human and the technological”, in Future of a Complex World, Proceedings Book of The International Congress, Foresight Europe Network, Turku School of Economics, University of Turku.

Dominici, P. (2017). Of Security and Liberty, of Control and Cooperation. Terrorism and the New Ecosystem mmunication. [Italian Sociological Review, 7 (2) [DOI: 10.13136/isr.v7i2.XX]

Douglas M. (1985), Risk Acceptability According to the Social Sciences, Routledge, New York, trad.it., Come percepiamo il pericolo. Antropologia del rischio, Feltrinelli, Milano 1991.

Emery F.E. (a cura di), Systems Thinking, trad.it., La teoria dei sistemi. Presupposti, caratteristiche e sviluppi del pensiero sistemico, FrancoAngeli, Milano 2001.

Ferrarotti F., La perfezione del nulla. Promesse e problemi della rivoluzione digitale, Laterza, Roma-Bari 1997.

Foucault M.(1975), Surveiller et punir. Naissance de la prison, trad.it. Sorvegliare e punire. Nascita della prigione, Einaudi, Torino, 1976.

Gallino L., L’incerta alleanza. Modelli di relazioni tra scienze umane e scienze naturali, Einaudi, Torino 1992.

Habermas J. (2013), Im Sog der Technokratie. Kleine Politische Schriften XII, trad.it., Nella spirale tecnocratica. Un’arringa per la solidarietà europea, Laterza, Roma-Bari 2014.

Jonas H. (1979), Das Prinzip Verantwortung, Insel Verlag, Frankfurt am Main, trad.it., Il principio responsabilità. Un’etica per la civiltà tecnologica, Einaudi, Torino 1990.

Lévy P. (1994), L’Intelligence collective: pour une anthropologie du cyberspace, trad.it., L’intelligenza collettiva. Per un’antropologia del cyberspazio, Feltrinelli, Milano 1996.

Luhmann N. (1984), Soziale Systeme, Suhrkamp, Frankfurt 1984, trad.it. Sistemi sociali. Fondamenti di una teoria generale, Il Mulino, Bologna 1990.

Maritain J., Per una filosofia dell’educazione, (a cura di G.Galeazzi), La Scuola, Brescia 2001.

Marshall T.H. (1950), Citizenship and Social Class and Other Essays, Cambridge University Press, Cambridge 2002.

Maturana H., Varela F. (1972), Autopoiesis and Cognition. The Realization of the Living, Reidel trad.it., Autopoiesi e cognizione. La realizzazione del vivente, Venezia, Marsilio, 1985.

Morin E. (1973), Le paradigme perdu: la nature humaine, trad.it., Il paradigma perduto. Che cos’è la natura umana?, Feltrinelli, Milano 1974.

Morin E. (1977-2004), La Méthode, trad. it. 6 voll. Il Metodo, Raffaello Cortina Editore, Milano 2001,2002, 2004, 2005, 2007, 2008.

Morin E. (1990), Introduction à la pensèe complexe, trad.it., Introduzione al pensiero complesso, Sperling & Kupfer, Milano 1993.

Morin E. (1999a), Les sept savoirs nécessaires à l’éducation du futur, trad.it., I sette saperi necessari all’educazione del futuro, Raffaello Cortina, Milano 2001.

Morin E.(1999b), La TÊte bien faite, trad.it., La testa ben fatta, Raffaello Cortina ed., Milano 2000.

Morin E. (2015), Penser global. L’homme et son univers, trad., 7 lezioni sul Pensiero globale, Raffaello Cortina Ed., Milano 2016.

Morin E., Ciurana É.-R., Motta D.R. (2003), Éduquer pour l’ère planétaire.La pensée complexe comme Méthode d’apprentissage dans l’erreur et l’incertitude humaines, trad.it., Educare per l’era planetaria. Il pensiero complesso come metodo d’apprendimento, Armando, Roma 2004.

Mumford L. (1934), Technics and Civilization, trad.it., Tecnica e cultura, Il Saggiatore, Milano 1961.

Mumford L. (1967),The Myth of Machine, trad.it., Il mito della macchina, Il Saggiatore, Milano 1969.

Norris P., Democratic Deficits: Critical Citizens Revisited, Cambridge University Press, Cambridge 2011.

Nussbaum M.C. (2010), Not for Profit. Why Democracy Needs the Humanities, Princeton University Press, Princeton.

Parsons T. (1951), The Social System, trad.it., Il sistema sociale, (intr. di L.Gallino), Comunità, Milano 1965.

Rawls J. (1971), A Theory of Justice, trad.it. Una teoria della giustizia, Feltrinelli, Milano 1982.

Rodotà S., Iperdemocrazia. Come cambia la sovranità democratica con il web, Laterza, Roma-Bari 2013.

Sobrero R., Comunicazione e sostenibilità. 20 tesi per il futuro, EGEA, Milano 2016.

Taleb N.N. (2012), Antifragile, trad.it., Antifragile. Prosperare nel disordine, il Saggiatore, Milano 2013.

Touraine A. (2004), Un nouveau paradigme. Pour comprendre le monde aujourd’hui, trad.it., La globalizzazione e la fine del sociale. Per comprendere il mondo contemporaneo, Il Saggiatore, Milano 2008.

Watzlawick P., Helmick Beavin J., Jackson D.D. (1967), Pragmatic of Human Communication. A Study of Interactional Patterns, Pathologies, and Paradoxes, trad.it., Pragmatica della comunicazione umana. Studio dei modelli interattivi, delle patologie e dei paradossi, Astrolabio, Roma 1971.

Wiener N. (1950), The Human Use of Human Beings, trad.it., Introduzione alla cibernetica. L’uso umano degli esseri umani, Bollati Boringhieri, Torino 1966.

 

*Contributo estratto dalla nuova pubblicazione: “In viaggio verso la sostenibilità” – Volume VI, Collana “Comunicazione Sociale”, Fondazione Pubblicità Progresso, Milano 2017.

Di seguito il link alla pubblicazione (ebook):

https://www.pubblicitaprogresso.org/Uploads/Docs/e-book-in-viaggio-verso-la-sostenibilita_100431.pdf

N.B. Condividete e riutilizzate pure i contenuti pubblicati ma, cortesemente, citate sempre gli Autori e le Fonti anche quando si usano categorie concettuali e relative definizioni operative. Condividiamo la conoscenza e le informazioni, ma proviamo ad interrompere il circuito non virtuoso e scorretto del “copia e incolla”, alimentato da coloro che sanno soltanto “usare” il lavoro altrui. Le citazioni si fanno, in primo luogo, per correttezza e, in secondo luogo, perché il nostro lavoro (la nostra produzione intellettuale) è sempre il risultato del lavoro di tante “persone” che, come NOI, studiano e fanno ricerca, aiutandoci anche ad essere creativi e originali, orientando le nostre ipotesi di lavoro.

I testi che condivido sono il frutto di lavoro (passione!) e ricerche e, come avrete notato, sono sempre ricchi di citazioni. Continuo a registrare, con rammarico e una certa perplessità, come tale modo di procedere, che dovrebbe caratterizzare tutta la produzione intellettuale (non soltanto quella scientifica e/o accademica), sia sempre meno praticata e frequente in molti Autori e studiosi.

Dico sempre: il valore della condivisione supera l’amarezza delle tante scorrettezze ricevute in questi anni. Nei contributi che propongo ci sono i concetti, gli studi, gli argomenti di ricerche che conduco da vent’anni: il valore della condivisione diviene anche un rischio, ma occorre essere coerenti con i valori in cui si crede. 

Buona riflessione!

Immagine: foto di Piero Dominici