Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
©credits

Oltre il potere delle parole (e degli slogan). L’educazione, l’innovazione, la democrazia…

Percorsi e traiettorie…

 

(Al fine di consentire percorsi e approfondimenti, il testo è, come sempre, ricco di riferimenti bibliografici e collegamenti ad altri contributi, divulgativi e scientifici – come sempre “senza tempi di lettura”)

 

L’educazione digitale, la cittadinanza digitale; l’innovazione, gli innovatori, la democrazia (digitale), il “diritto a innovare”, la complessità etc. etc.…parole, parole, parole, che devono/dovrebbero trovare (almeno) una definizione/traduzione operativa.

“Non ci potrà essere alcuna cittadinanza digitale (o inclusione) senza garantire i pre-requisiti e le condizioni della cittadinanza, senza (almeno provare a) garantire l’eguaglianza delle condizioni di partenza, la cui assenza rende anche tutti i discorsi sulla meritocrazia pura retorica”.

P.D. (1995-96 e sgg.)

 

Siamo sempre lì, passano gli anni, oltre un paio di decenni, come se nulla fosse accaduto, in questo intervallo di tempo, come se nulla fosse stato rilevato per ciò che concerne le fondamentali questioni relative all’educazione, all’istruzione, alla formazione, ma soprattutto alla “povertà educativa”, all’ “analfabetismo funzionale”…

Cambiano i governi, i partiti e gli esponenti politici coinvolti; non cambiano, al contrario, esperti e studiosi arruolati, élites e reti coinvolte; allo stesso modo, non cambiano i saperi tecnici e le competenze chiamati a fornire indicazioni e possibili soluzioni (spesso si tratta – come ripeto ogni volta – di soluzioni semplici a problemi complessi, legate a logiche di breve periodo, quelle della Politica).

…e, nonostante tutto, le lusinghe e le “narrazioni” di una “democrazia digitale”, “diretta” e, quanto più possibile, semplificata, di una “cittadinanza digitale” (quale cittadinanza digitale? Se non siamo in grado di garantire neanche i pre-requisiti minimi della “cittadinanza”), di un’educazione digitale (sul cui approccio sono, da sempre, estremamente critico – come pochissimi altri, in questi anni), si mantengono forti, intatte, inalterate, non soltanto dal punto di vista mediatico e nei social.

….continuo a scrivere, studiare e fare ricerca, in maniera critica e con un approccio “altro”, da oltre vent’anni; e/ma – tra le tante ‘cose’ – ci tengo a ribadirlo – mi occupo di educazione, non di “educazione digitale”. Ed è l’educazione “il” problema, non l’educazione digitale…questioni di metodo e approccio; conseguentemente, lo ripeto ancora una volta, noi dovremmo ripensare “l’educazione” (e la formazione, oltre alla ricerca), in maniera radicale, anche, ma non soltanto, per provare ad abitare gli ambienti tecnologici e iperconnessi, per poter interagire con la straordinaria opportunità del digitale (destinata, altrimenti, a rimanere un’opportunità per pochi). Vivere e, ancora una volta, “abitare il digitale” (cit.).

Al contrario, l’approccio e l’impostazione generale, le strategie, sono quelli di sempre; a conferma che, oggi, tutti parlano/scrivono di “cambio di paradigma”, di “trasformazione antropologica”, di “implicazioni etiche, epistemologiche…”, di “culture digitali”, di “ripensare l’educazione e la formazione”, perfino di “complessità”, ma – è talmente evidente – si tratta, purtroppo, soltanto di parole-chiave, che occorre usare per mostrare di essere originali, usate come etichette e slogan; si tratta di formule di successo, riprese proprio da coloro che, oltre ad aver, in alcuni/molti casi, anche ostacolato certi approcci e prospettive di studio e ricerca, proprio nelle istituzioni educative e formative (pensiero critico, visione sistemica, multidisciplinarità, interdisciplinarità, transdisciplinarità etc.), hanno sempre sviluppato altre prospettive (…), spesso riduzionistiche e deterministiche, e per tante ragioni; talvolta/spesso senza aver mai fatto (veramente) ricerca e studiato tali questioni. Media e stampa alimentano, continuano ad alimentare, con rarissime eccezioni.

E così …già si (ri)torna a parlare di “Democrazia digitale”, di una democrazia “diretta” e, inevitabilmente, semplificata; di una “Repubblica digitale”, addirittura di “inclusione digitale” (sempre pronti a lasciarsi sedurre e guidare da formule e concetti provenienti da contesti stranieri, completamente differenti)…di un “divario digitale di carattere culturale”

 …parole, parole, parole…sembra quasi che “cambiare le parole” (fondamentale!) sia sufficiente per “cambiare le cose”, ma assolutamente non basta. Ancor di più, non bastano gli slogan o le formule ad effetto, la comunicazione che si fa marketing…poi occorre fornire continuità al livello delle azioni e della prassi.

 

Questo il link con i testi cui si riferisce questa (breve) riflessione effettuata:

Ministro per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione | Repubblica Digitale

https://innovazione.gov.it/it/repubblica-digitale/

 

Nella stessa prospettiva di analisi e discorso…

Breve commento alla notizia ANSA del 26/12 (13:07) “Pisano, subito 100 innovatori e coding nelle scuole. Casaleggio? Nessun conflitto interesse. Ora diritto a innovare

http://www.ansa.it/sito/notizie/economia/2019/12/26/pisano-subito-assunti-100-innovatori_d4af22b0-c243-461b-9f6c-50590ac738cc.html

 

Assunzione di “innovatori”…

 Forse dovremmo chiarire, prima di tutto, cosa intendiamo per “innovazione”? Chi sono gli “innovatori” e, sulla base di quali criteri e/o requisiti, li definiamo tali? La netta impressione è che, ancora una volta, l’innovazione – con tutto il portato, anche ideologico, del termine – è, ancora una volta, “l’innovazione tecnologica” che può essere calata dall’alto, senza considerare i fattori sociali e culturali, senza considerare le stesse caratteristiche del tessuto sociale.

Ripropongo, in tal senso, un vecchio contributo. «L’innovazione è processo complesso, anzi è complessità: istruzione, educazione, formazione ne devono essere gli assi portanti, non semplici “strumenti”. Ecco le sfide di un’innovazione che non può essere per pochi» (cit.)

https://www.forumpa.it/temi-verticali/scuola-istruzione-ricerca/educazione-perche-e-necessaria-una-innovazione-inclusiva/

 

Altro punto: ben vengano il coding e tutto ciò che va in direzione di un necessario aggiornamento delle ‘competenze’ per la civiltà ipertecnologica!

Ma le questioni, da sempre, sono ben più profonde e complesse e – come non mi stanco di ripetere da molti anni – non è più un problema di “contenuti” e di “cosa insegnare”, di tecniche e/o strumenti da ‘saper utilizzare’; e – ribadisco con forza – la stessa cd. “educazione digitale” non basta, come peraltro ampiamente dimostrato da ricerche e rilevazioni, nazionali e internazionali. Non è una questione – mi ripeto – di “ripensare l’educazione digitale”, con il suo approccio e la sua visione inadeguati e fuorvianti; occorre, e non da oggi, “ripensare l’educazione e la formazione” (e, con esse, la ricerca!), in maniera radicale, anche perché “il digitale cambia il nostro modo di conoscere/il reale e la realtà” (Dominici 1995-96 e sgg.). In altre parole, mi riferisco, evidentemente, alle ben note “implicazioni etiche ed epistemologiche” che, soltanto ora, tutti evocano senza dare coerenza e continuità alle proprie affermazioni/dichiarazioni.

…andiamo avanti così e – sia chiaro – non è un problema di colore/i del governo e/o di chi fa le proposte…

Aggiungo, infine: si fa riferimento, in più testi, anche al “diritto a innovare”: ma, al di là del potere evocativo delle parole, cosa c’è dietro questa formula? Che significa “diritto a innovare”? Avrei da dire/scrivere moltissimo ma, al di là dei numerosi contributi allegati, ci tornerò.

In ogni caso, come sempre, dovrò/dovremo osservare/attendere la definizione/traduzione operativa, nel tempo, di quelle che sembrano, ancora una volta, etichette e slogan, destinati (appunto) a rimanere tali.

 

#Scuola #Università #OCSE #ISTAT #educazione #cittadinanza #inclusione #innovazione #ricerca #AnalfabetismoFunzionale #cultura #società

Ora, sempre in questi giorni/settimane/mesi si continua a discutere molto di Scuola e di Educazione, e non potrebbe essere altrimenti, essendo strettamente correlate a qualsiasi processo di cambiamento e mutamento. Con l’occasione, ripropongo vecchio post e relativi contributi. Come vado ripetendo da oltre vent’anni, l’educazione è “la” questione (delle questioni).

Ripeto, temi e questioni di cui mi occupo da molti anni e, pertanto, non dovrei più stupirmi di come “vadano le cose”; ma – lasciatemelo dire – ogni volta, oltre che continuare a stupirmi, sembra davvero che il tempo si sia fermato (per non dire altro). E i “risultati” si vedono chiaramente. #PianoInclinato

 

Non è la prima volta che ci torno…

Al di là delle fondamentali questioni di natura metodologica, in ogni caso sempre da tenersi in considerazione e approfondirsi…

E mi ricordo ancora…per anni, con governi di vario colore, tutti interessatissimi alla scuola, all’inclusione ed alla cittadinanza (all’università, alla ricerca etc.), tutti pronti a mettere la scuola e l’educazione al centro. Quante partecipazioni a tavoli tecnici e dibattiti pubblici (non soltanto al MIUR), in cui soltanto evocare, come puntualmente facevo (non eravamo in molti, anzi…la dico così), tali questioni – tra le quali, l’“analfabetismo funzionale” e la “povertà educativa”, l’urgenza di un’educazione e di una formazione realmente “critiche” – significava essere degli eretici, quasi dei veri e propri agitatori anti-sistema, pur avendo ben radicato il senso delle istituzioni e dell’impegno; eppure, semplicemente, si raccontava e si descriveva l’esistente, non soltanto legato alla propria esperienza; un’esistente che ci si sforzava di non vedere, di far finta di non vedere….e si parlava, anche allora come oggi, di “inclusione digitale” (?), di “cittadinanza digitale”, di “diritti digitali”, senza poter, in alcun modo, garantire i diritti fondamentali e i requisiti minimi della cittadinanza. Ma di quale cittadinanza si parlava/si parla? Di quale inclusione?

Sono passati anni e la situazione è perfino peggiorata, a fronte delle “grandi narrazioni” sulle nuove generazioni di fenomenali “nativi digitali”, quasi dotati di super poteri e in grado di far tutto per il semplice fatto di esser nati nell’epoca della cd. rivoluzione digitale.

Tra i numerosi episodi che potrei raccontare (e, talvolta, ho già raccontato), ricordo ancora uno dei tanti (mega)direttori MIUR che, una volta, dopo la mia relazione in cui ne parlavo articolatamente (e con il supporto di dati e ricerche) – ne parlavo/parlo da sempre e, mi auguro, un giorno, di non doverlo più fare – e sottolineavo quanto i problemi fossero ben più profondi e complessi e non potessero essere risolti soltanto da un’alfabetizzazione al digitale, da una preparazione tecnico-pratica e da un intervento sulle competenze…ebbene, mi rispose, con una certa arroganza pur essendo poco preparato in materia (tipico), “io…soltanto quando sento certi termini “analfabetismo funzionale” …povertà educativa…mi viene l’orticaria…roba di un’altra era (sic!)”. Eravamo, a suo dire e a quello di molti, quasi nel migliore dei mondi possibili…

Oggi, come già accennato, siamo al punto di partenza e continuano a succedersi annunci e proclami…la Scuola al centro, l’Educazione al centro, l’Università e la ricerca al centro. Speriamo bene….

Anche qui, ri-condivido alcuni contributi.

Cfr. Educazione, perché è necessaria una innovazione inclusiva

https://www.forumpa.it/temi-verticali/scuola-istruzione-ricerca/educazione-perche-e-necessaria-una-innovazione-inclusiva/

 

Scuola e istruzione: pre-requisiti fondamentali di una cittadinanza matura, attiva e “non eterodiretta”

https://www.statigeneralinnovazione.it/online/scuola-e-istruzione-pre-requisiti-fondamentali-di-una-cittadinanza-matura-attiva-e-non-eterodiretta/

 

I rischi di una cittadinanza senza cittadini

«Il rischio è quello di una cittadinanza senza cittadini. Il rischio è quello di promuovere una partecipazione a soggetti/attori sociali che, di fatto, non hanno gli “strumenti” (evidentemente, non mi riferisco a quelli tecnici e tecnologici) per partecipare concretamente. Ne ho parlato diversi anni fa, proponendo una definizione che in molti hanno poi ripreso (spesso senza citare l’Autore): l’anello debole».

https://www.forumpa.it/pa-digitale/servizi-digitali/i-rischi-di-una-cittadinanza-senza-cittadini/

 

L’innovazione di un Paese è la sua cultura della responsabilità

https://pierodominici.nova100.ilsole24ore.com/2016/07/13/linnovazione-di-un-paese-e-la-sua-cultura-della-responsabilita/

 

Per un’innovazione inclusiva: ricomporre la frattura tra l’umano e il tecnologico

https://www.techeconomy2030.it/2016/02/25/uninnovazione-inclusiva-ricomporre-la-frattura-lumano-tecnologico/

E non sono voluto andare ancora più indietro nel tempo. Ho (tanta) ‘roba’ veramente datata, testi divulgativi e pubblicazioni scientifiche, fin dagli anni’90. Passano i governi e i cd. esperti ma siamo sempre lì… #educazione #inclusione

E, a proposito, della cd. “scuola delle disuguaglianze” e di una società sempre più segnata da disuguaglianze, vecchie e nuove, molti anni fa proposi concetto, e definizione operativa, di “società asimmetrica” (1995 e sgg.).

 

Un’inclusione per pochi. La civiltà ipertecnologica verso la società dell’ignoranza? (1996)

https://pierodominici.nova100.ilsole24ore.com/2018/03/08/uninclusione-per-pochi-la-civilta-ipertecnologica-verso-la-societa-dellignoranza-1996/

 

L’illusione della cittadinanza…

https://pierodominici.nova100.ilsole24ore.com/2018/12/14/la-societa-iperconnessa-e-ipercomplessa-e-lillusione-della-cittadinanza/

 

La società asimmetrica* e la centralità della “questione culturale”: le resistenze al cambiamento e le “leve” per innescarlo

https://pierodominici.nova100.ilsole24ore.com/2015/09/23/la-societa-asimmetrica-e-la-centralita-della-questione-culturale-le-resistenze-al-cambiamento-e-le-leve-per-innescarlo/

 

Buon lavoro e buona ricerca! E, direi, buon impegno a tutte/i!

_____________________________________

Come promesso, di seguito una selezione di altri testi e contributi di varia ‘natura’…

“Quelli che oggi sono considerati confini e limiti – fra i saperi, fra le conoscenze e le competenze, fra la razionalità e la creatività – devono diventare varchi, aperture, percorsi, opportunità”.

#DigitalHumanism: l’ipercomplessità nell’era del digitale

 

Allego anche…

Pubblicazione per Treccani: “La complessità della complessità e l’errore degli errori | #complessità #complexity #educazione #formazione #ricerca #FigureIbride #FalseDicotomie (1995)

http://www.treccani.it/magazine/lingua_italiana/speciali/digitale/5_Dominici.html

 

Intervista rilasciata a Business People http://www.businesspeople.it/Storie/Attualita/Manager-della-complessita-PIero-Dominicini-109480

 

Intervista rilasciata a VITA: Nella società ipercomplessa, la strategia è saltare le separazioni

http://www.vita.it/it/interview/2017/06/09/nella-societa-ipercomplessa-la-strategia-e-saltare-le-separazioni/119/

 

Intervista rilasciata all’Huffington Post: “La cultura della complessità come cultura della responsabilità”

http://www.huffingtonpost.it/2017/05/04/al-festival-della-complessita-la-lezione-di-piero-dominici-il_a_22069135/

 

TEDx via Youtube https://www.youtube.com/watch?v=yXh50juNsW4 #TEDx

 

A proposito di quella che ho definito, in tempi non sospetti, “Società Asimmetrica”

 La società asimmetrica* e la centralità della “questione culturale”: le resistenze al cambiamento e le “leve” per innescarlo

https://pierodominici.nova100.ilsole24ore.com/2015/09/23/la-societa-asimmetrica-e-la-centralita-della-questione-culturale-le-resistenze-al-cambiamento-e-le-leve-per-innescarlo/

 

E a proposito di…

 Il digitale e l’urgenza di #Ripensare l’educazione.

 

Occorre “recuperare quelle che ho definito, in passato, le “dimensioni complesse della complessità educativa”: l’empatia, il pensiero critico, una visione sistemica dei fenomeni, una “cultura dell’errore” (interamente da costruire), l’educazione alla comunicazione, oltre a dimensioni che abbiamo volutamente rimosso, come le emozioni, l’immaginario e la creatività” (Dominici, 1995, 1996 e sgg.)

 

Si vedano (una selezione)…

Un’inclusione per pochi. La civiltà ipertecnologica verso la società dell’ignoranza? (1996)

https://pierodominici.nova100.ilsole24ore.com/2018/03/08/uninclusione-per-pochi-la-civilta-ipertecnologica-verso-la-societa-dellignoranza-1996/

 

Oltre lo storytelling: il Sociale, il digitale e “la Persona al centro”

https://pierodominici.nova100.ilsole24ore.com/2016/05/07/oltre-lo-storytelling-il-sociale-il-digitale-e-la-persona-al-centro/

Bufale digitali? Ma il vero problema è lo stato di salute delle democrazie | Agenda Digitale

https://www.agendadigitale.eu/cultura-digitale/bufale-digitali-ma-il-vero-problema-e-lo-stato-di-salute-delle-democrazie/

Intervista a Piero Dominici: nuovo Contratto Sociale e scuola | Next Learning

https://nextlearning.it/2017/09/25/intervista-piero-dominici-contratto-sociale-scuola/

Ripensare l’educazione nella civiltà iperconnessa, che cosa significa | Agenda Digitale

https://www.agendadigitale.eu/cultura-digitale/ripensare-leducazione-nella-civilta-iperconnessa-cosa-significa/

Il grande equivoco. Ripensare l’educazione (#digitale) per la Società Ipercomplessa | Il Sole 24 Ore

https://pierodominici.nova100.ilsole24ore.com/2016/12/08/il-grande-equivoco-ripensare-leducazione-digitale-per-la-societa-ipercomplessa/

Educare alla complessità…perché “Democrazia è complessità” (1995)

https://pierodominici.nova100.ilsole24ore.com/2018/06/03/educare-alla-complessitaperche-democrazia-e-complessita-1995/

 

“…stiamo educando/formando/addestrando dei meri esecutori di funzioni e di regole (Dominici,1995 e sgg.)”

https://pierodominici.nova100.ilsole24ore.com/2018/12/29/la-dittatura-e-lossessione-della-concretezza/

 

#CitaregliAutori

____________________

 

Si torna a parlare di “democrazia digitale” e, come visto, perfino, di “Repubblica digitale”

A partire da una vecchia definizione che proposi molti anni fa…

 

Recupero e condivido volentieri l’intervista rilasciata in occasione del Festival EDUCA 2018. Un’intervista in cui, tra le tante questioni trattate (accennate), ritorno anche su una mia vecchia definizione relativa alla democrazia (1995 e sgg.). Con il pensiero e l’attesa rivolti ai prossimi eventi del Festival della Complessità – IX Edizione Complessità tra teoria ed esperienza.

 

Al termine dell’intervista, potrete trovare come sempre i riferimenti bibliografici (una selezione) e il link ad alcune recenti pubblicazioni scientifiche.

 

Come sempre, senza “tempi di lettura”

 

Di seguito, il testo dell’intervista.

 

Intervista a Piero Dominici

In un contesto iperconnesso e sempre più tecnologico, quali sono (o diventeranno) tempi, spazi e linguaggi dell’educatore? Quali competenze debbano oggi fornire le diverse agenzie educative? Questi sono alcuni degli interrogativi su cui si confronteranno le cooperative sociali all’interno del percorso EducaLAB che ha avuto un’anticipazione in un seminario organizzato all’interno del Festival EDUCA. Mattia Mascher, ha intervistato uno degli ospiti: Piero Dominici professore di Comunicazione Pubblica e di Attività di Intelligence presso l’Università di Perugia, oltre che Director (Scientific Listening) presso il Global Listening Center e Direttore Scientifico del Complexity Education Project, per sentire la sua opinione in merito.

 

Un approccio e percorsi di ricerca dal’95

 

Professore, come vede il rapporto fra nuove tecnologie ed educazione?

Come ho avuto modo di ripetere più volte nel corso degli anni, attualmente, come mai in passato, la tecnologia è entrata a far parte della sintesi di nuovi valori e di nuovi criteri di giudizio (1996), rendendo ancor più evidente la centralità e la funzione strategica di un’evoluzione che è culturale e che va ad affiancare quella biologica (si pensi alla tematica del “cambiamento di paradigma”), condizionandola profondamente e determinando dinamiche e processi di retroazione. In altre parole, nel quadro complessivo di un necessario ripensamento/ridefinizione/superamento della (falsa) dicotomia natura vs. cultura – ma anche naturale vs. artificiale – non possiamo non prendere atto di come i ben noti meccanismi darwiniani di selezione e mutazione si contaminino sempre di più con quelli sociali e culturali, che caratterizzano la statica e la dinamica dei sistemi sociali. In tal senso, non possiamo non registrare come i tradizionali confini tra formazione umanistica e formazione scientifica – una di quelle che ho definito, già negli anni Novanta, “false dicotomie” – siano completamente saltati. Sempre più difficile, oltre che fuorviante, provare a tenere separati i due percorsi evolutivi e, allo stesso tempo, sempre più urgente si fa la domanda di un approccio sistemico, multidisciplinare e interdisciplinare ad una complessità che sfugge, non soltanto ai tradizionali modelli lineari, ma anche a qualsiasi formula matematica e/o sequenza di dati. E, ancora una volta, non si tratta di essere “pro” o “contro” tali dinamiche, “pro” o “contro” la cd. rivoluzione digitale e/o le tecnologie, scadendo in spiegazioni riduzionistiche e/o deterministiche; anzi occorre spingersi oltre la sterile, ma sempre dominante, polarizzazione del dibattito. Dobbiamo acquisire consapevolezza di trovarci difronte ad una trasformazione antropologica (1996), con profonde implicazioni epistemologiche (sottovalutate), che ci chiede, nei processi educativi e formativi, di provare a ricomporre la frattura tra l’umano e il tecnologico (1998), superando quella visione ingannevole e fuorviante che considera e presenta la tecnologia/le tecnologie come un qualcosa di “esterno” alla cultura, ai modelli ed ai processi culturali. Al contrario, ne sono “prodotti” complessi, di sintesi complessa. Ma dobbiamo mettere mano, in maniera radicale, a educazione e formazione, smettendola di pensare a Scuola e Università come fossero entità separate e, soprattutto, pensando al “lungo periodo”. Ora lo sostengono tutti, salvo procedere nelle direzioni di sempre. Certamente, se penso al tempo trascorso da quando ne parlo (e faccio ricerca), e se ne parla, non c’è da essere ottimisti. Ma l’impegno non viene e non verrà mai meno. Bisogna essere chiari: dipende soprattutto da educazione e formazione se la civiltà ipertecnologica e iperconnessa sarà “inclusiva” o “esclusiva”. Ripeto da anni: non saranno il digitale e le tecnologie, in sé e per sé, a costruire le condizioni, sociali e culturali, della cittadinanza e dell’inclusione.

 

In che senso?

Deve crescere la consapevolezza di trovarsi di fronte ad una società ipercomplessa e iperconnessa (Dominici,1998-2018) in cui, ormai da tempo, le regole d’ingaggio delle cittadinanza non sono più definite/prodotte, come in passato, dal cd. Legislatore: le regole d’ingaggio della cittadinanza sono definite/prodotte e riprodotte proprio all’interno delle istituzioni educative e formative, in passato pienamente responsabili, oltre che protagoniste, della creazione di nuove condizioni di emancipazione e inclusione. Vado ripetendo da anni – e, anche di recente, abbiamo avuto conferme dall’ultimo Rapporto Istat sulla Conoscenza – che Scuola e Università sono tornate ad essere “agenzie di selezione”, dopo aver provato ad essere, per qualche tempo, “agenzie di emancipazione”. Siamo in presenza di nuove asimmetrie e disuguaglianze, con condizioni preoccupanti anche in termini di povertà educativa e analfabetismo funzionale…e, in queste condizioni, si può essere sudditi in democrazia, non conoscendo i propri diritti/doveri; non conoscendo gli strumenti e i canali (e non avendo accesso a questi); non essendo sufficientemente alfabetizzati, preparati e (appunto) competenti per incalzare, dialogare e confrontarsi con qualunque tipo di autorità; non essendo educati e preparati a partecipare attivamente alla vita pubblica e democratica, alla costruzione di una sfera pubblica autonoma, non più ancella della politica (ibidem). Nella profonda consapevolezza che – come sostenevo già in tempi non sospetti – “democrazia è complessità, non semplificazione” (Dominici, 1995 e sgg.).

 

Come può la scuola andare in questa direzione?

Molteplici i piani di discorso, analisi, intervento, tra breve, medio e lungo periodo. In un contesto di riferimento complessivo segnato, non da ora, da un eccesso di riformismo che, talvolta, rasenta il “nuovismo acritico di maniera” (non soltanto con riferimento all’educazione digitale e/o ai media) e la preoccupante assenza di politiche (lungo periodo) dell’istruzione e della ricerca. Sul piano delle logiche e delle culture organizzative, si tratta di rivedere, mettere in discussione, quella cultura della valutazione (tema complesso, come complessa è la valutazione) e della standardizzazione che segna in profondità le scelte e le strategie in materia di istruzione, educazione e formazione. Oggi, forse come mai in passato, occorre recuperare le dimensioni complesse della complessità educativa: l’empatia, il pensiero critico, una visione sistemica dei fenomeni, l’educazione alla comunicazione, oltre a dimensioni che abbiamo volutamente rimosso, come le emozioni, l’immaginario e la creatività. Significa ripensare lo spazio relazionale e comunicativo dentro le istituzioni formative ed educative, rilanciare l’educazione nella prospettiva sistemica di una educazione che non può che essere socio-emotiva. Dal momento che, proprio in questa civiltà ipertecnologica, innervata da sistemi complessi (interdipendenti e interconnessi), dominata dalla tecnica e dalle tecnologie (sempre più invasive) e animata da nuove utopie e distopie, continuiamo a ripetere e perpetuare l’errore più grave, un errore a dir poco strategico, definito in passato il “grande equivoco”: credere che servano un’educazione ed un formazione esclusivamente di natura “tecnica” e tecnologica, con uno schiacciamento sul “saper fare”, e credere che educazione e formazione vadano semplicemente adeguate al cambiamento tecnologico, ridimensionando progressivamente lo spazio per le discipline umanistiche e più creative (arti e forme estetiche comprese).

 

Lei è un esperto di comunicazione. È più preoccupato o ottimista rispetto al rapporto fra informazione e nuove tecnologie?

In prima luogo, credo che non si debba fare confusione tra comunicazione e connessione. Detto questo, Le rispondo con le parole di una mia vecchia definizione: “La società interconnessa/iperconnessa è una società ipercomplessa, in cui il trattamento e l’elaborazione delle informazioni e della conoscenza sono ormai divenute le risorse principali; un tipo di società in cui alla crescita esponenziale delle opportunità di connessione e di trasmissione delle informazioni, che costituiscono dei fattori fondamentali di sviluppo economico e sociale, non corrisponde ancora un analogo aumento delle opportunità di comunicazione, da noi intesa come processo sociale di condivisione della conoscenza che implica pariteticità e reciprocità (inclusione) (definizione del 1996). […] La tecnologia, i social networks e, più in generale, la rivoluzione digitale, pur avendo determinato un cambio di paradigma, creando le condizioni strutturali per l’interdipendenza (e l’efficienza) dei sistemi e delle organizzazioni e intensificando i flussi immateriali tra gli attori sociali, non sono tuttora in grado di garantire che le reti di interazione create generino relazioni, fino in fondo, comunicative, basate cioè su rapporti simmetrici e di reale condivisione. In altre parole, la Rete crea un nuovo ecosistema della comunicazione (1996) ma, pur ridefinendo lo spazio del sapere, non può garantire, in sé e per sé, orizzontalità o relazioni più simmetriche. La differenza, ancora una volta, è nelle persone e negli utilizzi che si fanno della tecnologia, al di là dei tanti interessi in gioco”. Si comprende bene, ancora una volta, la rilevanza strategica, e assolutamente decisiva, di istruzione, educazione, ma anche di formazione e ricerca. Anche, e soprattutto, per il destino delle nostre democrazie. Detto questo, non possiamo non rilevare come, non da oggi, gli effetti dei mezzi di comunicazione e delle tecnologie di connessione (che hanno introdotto una nuova viralità, accelerando ulteriormente dinamiche e processi), oltre che dei nuovi ambienti comunicativi, siano tanto più forti laddove le agenzie di socializzazione sono deboli e/o attraversano un momento di transizione estremamente critica. Per essere ancora più espliciti: post-verità (tema datato), fake news, bufale etc. non sono la patologia ma il sintomo di qualcosa che ci deve preoccupare molto di più. E mi riferisco all’inquietante declino della democrazia che passa attraverso un’informazione poco rigorosa e poco credibile, uno svuotamento del ruolo e delle funzioni delle agenzie educative, una sospensione di quella dialettica complessa che dovrebbe far interagire potere e società civile. Come sostengo da sempre, che senso può avere anche soltanto parlare di cittadinanza digitale, se non siamo in grado di garantire i pre-requisiti e le condizioni della cittadinanza, se non siamo in grado di garantire l’eguaglianza delle condizioni di partenza, senza la quale anche i discorsi sulla meritocrazia diventano pura retorica. Da più parti si sente parlare di democrazia diretta, in perfetta continuità con le retoriche della disintermediazione e le grandi narrazioni su una civiltà digitale per sua “natura” inclusiva ed aperta. A tal proposito, ho proposto, in passato, la definizione di “società asimmetrica”. Sappiamo che le variabili e i fattori da considerarsi sono numerosi e che le questioni cruciali (e complesse) da affrontare non riguardano la tecnologia/le tecnologie (opportunità), bensì l’educazione e la formazione. Ma – intendo essere chiaro – la democrazia è innanzitutto complessità e la semplificazione non può essere un valore in assoluto. La democrazia è mediazione, pluralismo e pluralità, convergenza, ascolto, conflitto, fatica, fallimento, errore, responsabilità. Non ci sono soluzioni semplici per problemi complessi, anche a livello organizzativo. Se non educhiamo e formiamo le nuove generazioni a questa meravigliosa, e imprevedibile, complessità, ne pagheremo care le conseguenze.

 

Come vede il ruolo dei genitori in questo contesto?

Pur in un contesto generale di “policentrismo formativo” e di pluralizzazione della socializzazione, il ruolo dei genitori e, più in generale, delle agenzie di socializzazione è e sarà sempre fondamentale. Così come è e sarà sempre fondamentale, proprio e a maggior ragione nella civiltà ipertecnologica e della disintermediazione, il ruolo (e le funzioni) delle figure e delle istituzioni di mediazione. In questa prospettiva di analisi, tra le possibili strade da percorrere, di vitale importanza è senz’altro lavorare e impegnarsi per provare a ricomporre i legami sociali, creando le condizioni affinché i diritti non rimangano vuote parole, riattivando i meccanismi sociali della fiducia e della cooperazione (educare alla responsabilità). Processi e dinamiche complesse e – lo ripeto – di lungo periodo. Consapevoli, ancora una volta, che le tecnologie e le culture digitali potranno offrire un contributo di fondamentale importanza, soltanto se saremo stati in grado di rilanciare e valorizzare (servono investimenti e risorse) al massimo le istituzioni educative e formative, rimettendo al centro i processi educativi e comunicativi, lo spazio educativo e relazionale, il “contratto sociale”. Le Persone e le nuove soggettività.

 

Allego passaggi estratti da alcune pubblicazioni del passato:

«Democrazia è complessità (Dominici, 1995, 2003, 2005 e sgg.). La democrazia è, a tutti gli effetti, processo complesso. È sistema di processi complessi, con numerose connessioni e livelli di connessione coinvolti, la cui riduzione/semplificazione può sempre comportare dei rischi.

Una (iper)complessità che, anche in questo caso, può essere intesa come:

 

Passaggio dalla linearità alla complessità.

Passaggio dalla semplicità alla complessità.

Reciprocità di insiemi e molteplicità.

Epistemologia dell’interdipendenza (per la “società ipercomplessa”).

Organizzazione delle esperienze e dei saperi.

Dialettica continua tra libertà ed eguaglianza

Sistemi di regole e procedure

Riconoscimento dell’errore come produttore di conoscenza.

Approccio sistemico e interdisciplinare/transdisciplinare ai problemi.

Riconoscimento e mediazione del conflitto.

Contemporanea presenza di ordine e caos.

Molteplicità delle identità e delle soggettività.

Valorizzazione delle molteplicità e della diversità.

Pluralismo di principi, valori e visioni.

Valorizzazione dell’eterogeneità e riconoscimento della devianza.

Imprevedibilità e vulnerabilità delle persone e dei sistemi

…»

 

«In questa prospettiva, la costruzione di una governance democratica, con i relativi processi di partecipazione e coinvolgimento (engagement) dei cittadini, è processo estremamente complesso e caratterizzato da ambivalenze e dialettiche aperte; dialettiche che non trovano (quasi) mai un momento di sintesi (complessa). Un processo che chiama in causa numerose variabili, approcci, metodi di analisi e rilevazione ma che richiede anche, e soprattutto, immaginazione, capacità di “fare rete” (e “fare sistema”) e, allo stesso tempo, di una visione sistemica di lungo periodo. Un processo che può trovare una sua effettiva traduzione soltanto se supportato da una cultura della complessità e della condivisone che fatica ancora molto ad affermarsi dentro e fuori le organizzazioni (pubbliche e private). I fattori sociali e culturali, spesso sottovalutati, giocano da sempre un ruolo di fondamentale importanza: come affermato più volte, sembra esserci ancora poca consapevolezza che non saranno certamente il digitale e le tecnologie della connessione (Dominici, 1996, 1998), e/o ancor meno nuove leggi e normative, a risolvere le principali criticità e vulnerabilità (si tratta di condizioni necessarie, ma non sufficienti); al contrario, le continue e repentine accelerazioni, nel determinare nuove opportunità, innescano e radicalizzano problemi di gestione e controllo dei sistemi, spesso correlati anche ad una cultura della comunicazione non adeguata. Sullo sfondo, neanche troppo, il rischio di una delega in bianco alla tecnologia/alle tecnologie in un’era, peraltro, sempre più segnata dalla ipertrofizzazione del tecnologicamente controllato, con profonde implicazioni per l’autonomia, la responsabilità, la privacy, i diritti». (cit.)

 

«In uno scenario così complesso, nel “nuovo ecosistema globale” (1996), si rivela tutt’altro che semplice definire e costruire le condizioni di una partecipazione pubblica che non è, e non può essere, semplice costruzione e acquisizione di consenso – magari ottenuto anche attraverso sofisticate strategie di marketing – su modelli, azioni, pratiche, servizi che sono stati, in ogni caso, definiti, progettati, calati/imposti dall’alto da parte di saperi esperti ed élite. Si pensi, in tal senso, anche alla questione di una tecnocrazia sempre più invasiva che occupa, ogni giorno di più, quegli spazi sociali e politici (della πολις) lasciati vuoti da una Politica sempre più marginale, soprattutto quando deve confrontarsi con i poteri economici» (cit.).

 

«La partecipazione, al contrario, è “fatta” di processi di negoziazione, continua e costante, che devono articolarsi dal momento dell’ideazione fino a quello della decisione; e, a questo livello, non è più possibile continuare a non fare i conti con i “cittadini reali” (passatemi il termine) che, al di là della questione “competenze digitali” (giustamente, molto dibattuta), si discostano in maniera significativa da quella figura quasi idealtipica di “cittadino ideale” (critico, informato, competente, in grado di interagire alla pari con la PA e, più in generale, con il potere), spesso immaginata e presa come riferimento da parte degli stessi decisori; allo stesso tempo, non è più possibile continuare a non fare i conti con variabili e criticità preoccupanti come l’ analfabetismo funzionale , la povertà educativa e, più in generale, le condizioni critiche in cui versano scuola e università che, da tempo, non stanno più svolgendo neanche le loro tradizionali funzioni di ascensori sociali. La cosiddetta “società civile” è destinata a rimanere anello debole (Dominici, 1995, 2000 e sgg.), e per molto tempo ancora, all’interno delle dialettiche complesse e ambigue della prassi democratica» (cit.).

 

Saremo nuovi cittadini attivi e partecipi o saremo sudditi

https://www.forumpa.it/pa-digitale/saremo-nuovi-cittadini-attivi-e-partecipi-o-saremo-sudditi-ecco-il-bivio/

 

Cfr. P.Dominici, “OLTRE LA LIBERTÀ DI ESSERE SUDDITI*. L’educazione alla complessità e alla responsabilità per una cittadinanza inclusiva” – Fondazione Casa della Cultura

#EBOOK https://www.casadellacultura.it/viaborgogna3/viaborgogna3-n5-allegato.pdf

 

P.Dominici, La modernità complessa tra istanze di emancipazione e derive dell’individualismo: la comunicazione per il legame sociale, in «Studi di Sociologia»

https://www.vitaepensiero.it/scheda-articolo_digital/piero-dominici/la-modernita-complessa-tra-istanze-di-emancipazione-e-derive-dellindividualismo-la-comunicazione-per-il-legame-sociale-000309_2014_0003_0281-254794.html #PeerReviewed

 

 

 

Allego due tra le pubblicazioni scientifiche internazionali #PeerReviewed:

 

  • Dominici P., For an inclusive innovation. Healing the fracture between the human and the technological in the hypercomplex society, in European Journal of Future Research:

 

           https://link.springer.com/article/10.1007/s40309-017-0126-4

 

  • Dominici P., Controversies on hypercomplexity and on education in the hypertechnological era, in, A.Fabris & G.Scarafile, Controversies in the Contemporary World, John Benjamins Publishing Company, 2019. https://benjamins.com/catalog/cvs.15.11dom

 

 

 

Riferimenti bibliografici (una selezione) e percorsi di approfondimento

 AA.VV.(1985), La sfida della complessità, Bocchi G. e Ceruti M. (a cura di), Bruno Mondadori, Milano 2007 .

Adorno T.W., Horkheimer M. (1947), Dialektik der Aufklärung. Philosophische Fragmente, trad.it., Dialettica dell’Illuminismo, Einaudi, Torino 1966.

Arendt H. (1951), The Origins of Totalitarianism, trad.it. Le origini del totalitarismo, Comunità, Milano 1967

Arendt H. (1958), The Human Condition, trad.it., Vita activa. La condizione umana, Bompiani, Milano 1964.

Ashby W.R., An Introduction to Cybernetics, Chapman & Hall, London 1956.

Bailey K.D. (1982), Methods of Social Research, The Free Press, New York, trad.it., Metodi della ricerca sociale, Il Mulino, Bologna 1985.

Balibar É., Cittadinanza, Bollati Boringhieri, Torino 2012.

Bateson G. (1972), Steps to an ecology of mind, trad.it., Verso un’ecologia della mente, Adelphi, Milano 1976.

Bauman Z., Lyon D. (2013), Liquid Surveillance. A conversation, trad.it. Sesto potere. La sorveglianza nella modernità liquida, Editori Laterza, Bari 2014.

Bellamy R., Citizenship. A Very Short Introduction, Oxford University Press, Oxford 2008.

Bertalanffy von L. (1968), General System Theory: Foundations, Development, Applications, trad.it., Teoria generale dei sistemi, Isedi, Milano 1975.

Bobbio N. (1984), Il futuro della democrazia, Einaudi, Torino 1995.

Boccia Artieri G., Stati di connessione. Pubblici, cittadini e consumatori nella (Social) Network Society, FrancoAngeli, Milano 2012.

Bostrom N.(2014), Superintelligence. Paths, Dangers, Strategies, trad.it., Superintelligenza. Tendenze, pericoli, strategie, Bollati Boringhieri, Torino 2018.

Byung-Chul H. (2012). Transparenzgesellschaft, trad.it., La società della trasparenza, Roma, nottetempo, 2014

Byung-Chul H. (2013), Im Schwarm. Ansichten des Digitalien, trad.it., Nello Sciame. Visioni del digitale, Nottetempo, Rome 2015.

Canfora L., La democrazia. Storia di un’ideologia, Laterza, Roma-Bari 2004.

Capra F. (1975), The Tao of Physics, trad.it., Il Tao della fisica, Adelphi, Milano 1982.

Capra F. (1996), The Web of Life, trad.it., La rete della vita. Una nuova visione della natura e della scienza, Rizzoli, Milano 2001.

Ceruti M., Il vincolo e la possibilità, Feltrinelli, Milano 1986.

Ceruti M., Evoluzione senza fondamenti, Laterza, Roma-Bari 1995.

Coleman J.S. (1990), Foundations of Social Theory, trad.it., Fondamenti di teoria sociale, Il Mulino, Bologna 2005.

Dahl R. A.(1998), On Democracy, trad.it., Sulla democrazia, Laterza, Roma-Bari, 2000.

Dahrendorf R. Dopo la democrazia, Laterza, Roma-Bari 2001.

Dal Lago A., Non-persone. L’esclusione dei migranti in una società globale, Feltrinelli, Milano 1999.

De Biase L., Homo pluralis.Esseri umani nell’era tecnologica, Codice Ed., Torino 2015.

De Kerckhove D. (1993), Brainframes Technology, mind and business, trad.it., Brainframes. Mente, tecnologia e mercato, Baskerville, Bologna 1993

De Kerckhove D. (1995), The Skin of Culture, trad.it., La pelle della cultura. Un’indagine sulla nuova realtà elettronica, Costa & Nolan, Genova 1996.

de La Boétie É. (1549-1576), Discorso della servitù volontaria, Feltrinelli, Milano2014.

Dewey J. (1916), Democracy and Education. An Introduction to the Philosophy of Education, trad.it., Democrazia e educazione. Un’introduzione alla filosofia dell’educazione, La Nuova Italia, Firenze 1992.

Diamond J.(1997), Guns, Germs, and Steel. The Fates of Human Societies, trad.it., Armi, acciaio e malattie. Breve storia del mondo negli ultimi tredicimila anni, Einaudi, Torino 1998 (cfr.ed.2006)

Diamond J. (2005), Collapse.How Societies Choose to Fail or Succeed, trad.it., Collasso. Come le società scelgono di morire o vivere, Einaudi, Torino 2005.

Dominici P. (1996), Per un’etica dei new-media. Elementi per una discussione critica, Firenze Libri Ed., Firenze 1998.

Dominici P., La società dell’irresponsabilità, FrancoAngeli, Milano 2010.

Dominici P.(2005), La comunicazione nella società ipercomplessa. Condividere la conoscenza per governare il mutamento, FrancoAngeli, Milano 2011 (nuova ed.).

Dominici P., Sfera pubblica e società della conoscenza, in AA.VV. (a cura di), Oltre l’individualismo. Comunicazione, nuovi diritti e capitale sociale, Franco Angeli, Milano 2008.

Dominici P., Dentro la società interconnessa. Prospettive etiche per un nuovo ecosistema della comunicazione, FrancoAngeli, Milano 2014.

Dominici P., La modernità complessa tra istanze di emancipazione e derive dell’individualismo, in «Studi di Sociologia», n°3/2014, Vita & Pensiero, Milano 2014.

Dominici P., Communication and Social Production of Knowledge. A new contract for the Society of Individuals, in «Comunicazioni Sociali», n°1/2015, Vita & Pensiero, Milano 2015.

Dominici P., Il nuovo ecosistema della comunicazione e le sfide della responsabilità/ipercomplessità, in «DESK. Rivista Trimestrale di cultura dell’Informazione», n° 4/2015, UCSI, Università “Suor Orsola Benincasa” Napoli, Roma 2015.

Dominici P., L’anello debole e le reti “fuori” dalla Rete: ripensare la cittadinanza nella Società Interconnessa, in AA.VV., La Rete e il fattore C. Cultura, complessità, collaborazione, Stati Generali dell’Innovazione, Roma 2016.

Dominici P., La filosofia come “dispositivo” di risposta alla società asimmetrica e ipercomplessa, in AA.VV., Il diritto alla filosofia. Quale filosofia nel terzo millennio?, Diogene Multimedia, Bologna 2016.

Dominici P., L’utopia Post-Umanista e la ricerca di un Nuovo Umanesimo per la Società Ipercomplessa, in «Comunicazioni Sociali», n°3/2016, Vita & Pensiero, Milano 2016.

Dominici P., Oltre la libertà …di “essere sudditi”, in F.Varanini (a cura di), Corpi, menti, macchine per pensare, Casa della Cultura, Anno 2, numero 4, Milano 2017

Dominici P., L’ipercomplessità, l’educazione e la condizione dei saperi nella Società Interconnessa/iperconnessa, in «Il Nodo. Per una pedagogia della Persona», Anno XXI, n°47, Falco Editore, Cosenza 2017, pp.81-104.

Dominici P., The hypertechnological civilization and the urgency of a systemic approach to complexity. A New Humanism for the Hypercomplex Society, in, AA.VV., Governing Turbolence. Risk and Opportunities in the Complexity Age, Cambridge Scholars Publishing, Cambridge 2017.

Dominici P., For an Inclusive Innovation. Healing the fracture between the human and the technological, in, European Journal of Future Research, Springer, 2017 – DOI: 10.1007/s40309-017-0126-4

Dominici P., The Struggle for a Society of Responsibility and Transparency: the core question of Education and Culture, in, E.Carloni & D.Paoletti, Preventing Corruption through Administrative Measures, European Union Programme Hercule III (2014-2020), European Commission, ANAC, Morlacchi Ed., Perugia 2019.

Dominici P., Controversies on hypercomplexity and on education in the hypertechnological era, in, A.Fabris & G.Scarafile, Controversies in the Contemporary World, John Benjamins Publishing Company, 2019.

Emery F.E. (a cura di), Systems Thinking, trad.it., La teoria dei sistemi. Presupposti, caratteristiche e sviluppi del pensiero sistemico, FrancoAngeli, Milano 2001.

Esposito R., Nove pensieri sulla politica, Il Mulino, Bologna 1993.

Ferrarotti F., La perfezione del nulla. Promesse e problemi della rivoluzione digitale, Laterza, Roma-Bari 1997.

Feyerabend P.K. (1975), Against Method. Outline of an Anarchistic Theory of Knowledge, trad.it., Contro il metodo. Abbozzo di una teoria anarchica della conoscenza, Feltrinelli, Milano 1979.

Foerster H. von (1981), Observing Systems, trad.it., Sistemi che osservano, Astrolabio, Roma 1987.

Foucault M.(1975), Surveiller et punir. Naissance de la prison, trad.it. Sorvegliare e punire. Nascita della prigione, Einaudi, Torino, 1976.

Gallino L., L’incerta alleanza. Modelli di relazioni tra scienze umane e scienze naturali, Einaudi, Torino 1992.

Gandolfi A., Formicai, imperi, cervelli. Introduzione alla scienza della complessità, Bollati Boringhieri, Torino 2008.

Gramsci A. (1°ed.1948-1951), Quaderni del carcere, Einaudi, Torino 1975, 4 voll.

Habermas J. (1962), Strukturwandel der Oeffentlichkeit, trad.it. Storia e critica dell’opinione pubblica, Laterza, Bari 1971

Habermas J. (1981), Theorie des kommunikativen Handelns, Bd.I Handlungsrationalität und gesellschaftliche Rationalisierung, Bd.II Zur Kritik der funktionalistischen Vernunft, Frankfurt am Main, Suhrkamp, trad.it. Teoria dell’agire comunicativo, Vol.I Razionalità nell’azione e razionalizzazione sociale, Vol.II Critica della ragione funzionalistica, Il Mulino, Bologna 1986.

Habermas J. (2013), Im Sog der Technokratie. Kleine Politische Schriften XII, trad.it., Nella spirale tecnocratica. Un’arringa per la solidarietà europea, Laterza, Roma-Bari 2014.

Hammersley M. (2013), The Myth of Research-Based Policy and Practice, trad.it., Il mito dell’evidence-based. Per un uso critico della ricerca sociale applicate, Raffaello Cortina Ed., Milano 2016.

Himanen P. (2001), The Hacker Ethic and the Spirit of the Information Age, trad.it., L’etica hacker e lo spirito dell’età dell’informazione, Feltrinelli, Milano 2001.

Ippolita, Open non è free. Comunità digitali tra etica hacker e mercato globale, Eleuthera, Milano 2005.

Jonas H. (1979), Das Prinzip Verantwortung, Insel Verlag, Frankfurt am Main, trad.it., Il principio responsabilità. Un’etica per la civiltà tecnologica, Einaudi, Torino 1990.

Kauffman S.A. (1993), The Origin of Order. Self-organization and Selection in Evolution, Oxford University Press, Oxford.

Kelly K. (2010), What Technology Wants, trad.it., Quello che vuole la tecnologia, Codice Edizioni, Torino 2011.

Kuhn T. (1962), The Structure of Scientific Revolution, trad.it. La struttura delle rivoluzioni scientifiche, Einaudi, Torino 1969.

Lévy P. (1994), L’Intelligence collective: pour une anthropologie du cyberspace, trad.it., L’intelligenza collettiva. Per un’antropologia del cyberspazio, Feltrinelli, Milano 1996.

Lévy P. (1997), Cyberculture. Rapport au Conseil de l’Europe, trad.it., Cybercultura. Gli usi sociali delle nuove tecnologie, Feltrinelli, Milano 1999.

Lévy P., Les Technologies de l’intelligence, trad.it., Le tecnologie dell’intelligenza, Synergon, Bologna 1992.

Longo G., Il simbionte. Prove di umanità futura, Mimesis, Milano 2014.

Lovink G., Social Media Abyss, trad.it., L’abisso dei social media. Nuove reti oltre l’economia dei like, Università Bocconi Editore, Milano 2016.

Luhmann N. (1984), Soziale Systeme, Suhrkamp, Frankfurt 1984, trad.it. Sistemi sociali. Fondamenti di una teoria generale, Il Mulino, Bologna 1990.

Luhmann N., De Giorgi R. (1991), Teoria della società, FrancoAngeli, Milano.

Lyon D. (1994), The Electronic Eye. The Rise of Surveillance Society, trad.it., L’occhio elettronico. Privacy e filosofia della sorveglianza, Feltrinelli, Milano 1997.

Lyon D. (2001), Surveillance Society. Monitoring Everyday Life, trad.it., La società sorvegliata. Tecnologie di controllo della vita quotidiana, Feltrinelli, Milano 2002.

Marshall T.H. (1950), Citizenship and Social Class and Other Essays, Cambridge University Press, Cambridge 2002

Maturana H., Varela F. (1972), Autopoiesis and Cognition. The Realization of the Living, Reidel trad.it., Autopoiesi e cognizione. La realizzazione del vivente, Venezia, Marsilio, 1985.

Merloni F. (2005), Introduzione all’e-government. Pubbliche Amministrazioni e società dell’informazione, Giappichelli, Torino.

Morin E. (1973), Le paradigme perdu: la nature humaine, trad.it., Il paradigma perduto. Che cos’è la natura umana?, Feltrinelli, Milano 1974.

Morin E. (1977), La Méthode I. La Nature de la Nature, trad. it. Il metodo 1. La natura della natura, Raffaello Cortina Editore, Milano 2001.

Morin E. (1980), La Méthode II. La Vie de la Vie, trad. it., Il metodo 2. La vita della vita, Raffaello Cortina Editore, Milano 2004.

Morin E. (1986), La Méthode III. La Connaissance de la Connaissance, trad. it., Il Metodo 3. La conoscenza della conoscenza, Raffaello Cortina Editore, Milano 2007.

Morin E. (1990), Introduction à la pensèe complexe, trad.it., Introduzione al pensiero complesso, Sperling & Kupfer, Milano 1993.

Morin E. (1991), La Méthode IV. Les idées. Leur habitat, leur vie, leurs moeurs, leur organisation, trad. it., Il Metodo 4. Le idee: habitat, vita, organizzazione, usi e costumi, Raffaello Cortina Editore, Milano 2008.

Morin E. (1994), Mes Démons, trad.it., I miei demoni, Meltemi, Roma.

Morin E. (1999a), Les sept savoirs nécessaires à l’éducation du futur, trad.it., I sette saperi necessari all’educazione del futuro, Raffaello Cortina, Milano 2001.

Morin E.(1999b), La TÊte bien faite, trad.it., La testa ben fatta, Raffaello Cortina ed., Milano 2000.

Morin E. (2001), La Méthode V. L’Humanité de l’Humanité. Tome 1: L’identité humaine, trad. it., Il Metodo 5. L’identità umana, Raffaello Cortina Editore, Milano 2002.

Morin E. (2004), La Méthode VI. Éthique, trad.it., Il metodo. Etica, Raffaello Cortina Editore, Milano 2005.

Morin E. (2015), Penser global. L’homme et son univers, trad., 7 lezioni sul Pensiero globale, Raffaello Cortina Ed., Milano 2016.

Morin E. (2017), Connaissance Ignorance Mystère, trad.it., Conoscenza Ignoranza Mistero, Raffaello Cortina Ed., Milano 2018.

Morin E., Ceruti M., La nostra Europa, Raffaello Cortina ed., Milano 2013.

Morin E., Ciurana É.-R., Motta D.R. (2003), Éduquer pour l’ère planétaire.La pensée complexe comme Méthode d’apprentissage dans l’erreur et l’incertitude humaines, trad.it., Educare per l’era planetaria. Il pensiero complesso come metodo d’apprendimento, Armando, Roma 2004.

Mumford L. (1921), The Story of Utopias, trad.it., Storia dell’utopia, Donzelli, Roma 1997 (con prefazione di F.Crespi), (1°ed.italiana dell’opera risale al 1969).

Mumford L. (1934), Technics and Civilization, trad.it., Tecnica e cultura, Il Saggiatore, Milano 1961.

Mumford L. (1967),The Myth of Machine, trad.it., Il mito della macchina, Il Saggiatore, Milano 1969.

Norris P., Democratic Deficits: Critical Citizens Revisited, Cambridge University Press, Cambridge 2011.

Nussbaum M.C. (2010), Not for Profit. Why Democracy Needs the Humanities, Princeton University Press, Princeton.

Parsons T. (1951), The Social System, trad.it., Il sistema sociale, (intr. di L.Gallino), Comunità, Milano 1965.

Popper K.R. (1934), The Logic of Scientific Discovery, trad.it., Logica della scoperta scientifica. Il carattere auto correttivo della scienza, Einaudi, Torino 1970.

Popper K.R. (1945), The open Society and Its Enemies. The Spell of Plato (vol.I), trad.it. La società aperta e i suoi nemici.Platone totalitario, Armando, Roma 1973.

Popper K.R. (1945), The open Society and Its Enemies: The High tide of prophecy: Hegel, Marx, and the eftermath (vol.II), trad.it., La società aperta e i suoi nemici: Hegel e Marx falsi profeti, Armando, Roma 1974.

Rawls J. (1971), A Theory of Justice, trad.it. Una teoria della giustizia, Feltrinelli, Milano 1982.

Rodotà S., Tecnopolitica. La democrazia e le nuove tecnologie della comunicazione, Laterza, Bari 1997.

Rodotà S., Iperdemocrazia. Come cambia la sovranità democratica con il web, Laterza, Roma-Bari 2013.

Simon H.A.(1959), Theories of Decision-making in Economics and Behavioral Science, in “American Economic Review”, 49, pp.253-83.

Simon H.A.(1962), The Architecture of Complexity, in «Proceedings of the American Philosophical Society», 106, pp.467-82

Simon H.A.(1997), Models of Bounded Rationality, Volume 3, Empirically Grounded Economic Reason, trad.it., Scienza economica e comportamento umano, Edizioni di Comunità,Torino, 2000.

Taleb N.N. (2012), Antifragile, trad.it., Antifragile. Prosperare nel disordine, il Saggiatore, Milano 2013.

Thompson J. B. (1995), The Media and Modernity. A Social Theory of the Media, trad.it., Mezzi di comunicazione e modernità, Il Mulino, Bologna 1998.

Touraine A. (2004), Un nouveau paradigme. Pour comprendre le monde aujourd’hui, trad.it., La globalizzazione e la fine del sociale. Per comprendere il mondo contemporaneo, Il Saggiatore, Milano 2008.

Veca S., Cittadinanza. Riflessioni filosofiche sull’idea di emancipazione, Feltrinelli, Milano1990;

Watzlawick P., Helmick Beavin J., Jackson D.D. (1967), Pragmatic of Human Communication. A Study of Interactional Patterns, Pathologies, and Paradoxes, trad.it., Pragmatica della comunicazione umana. Studio dei modelli interattivi, delle patologie e dei paradossi, Astrolabio, Roma 1971.

Wiener N. (1948), Cybernetics: or Control and Communication in the Animal and the Machine, trad.it., La cibernetica, Il Saggiatore, Milano 1968.

Wiener N. (1950), The Human Use of Human Beings, trad.it., Introduzione alla cibernetica. L’uso umano degli esseri umani, Bollati Boringhieri, Torino 1966.

 

 

N.B. Condividete e riutilizzate pure i contenuti pubblicati ma, cortesemente, citate sempre gli Autori e le Fonti anche quando si usano categorie concettuali e relative definizioni operative. Condividiamo la conoscenza e le informazioni, ma proviamo ad interrompere il circuito non virtuoso e scorretto del “copia e incolla”, alimentato da coloro che sanno soltanto “usare” il lavoro altrui. Le citazioni si fanno, in primo luogo, per correttezza e, in secondo luogo, perché il nostro lavoro (la nostra produzione intellettuale) è sempre il risultato del lavoro di tante “persone” che, come NOI, studiano e fanno ricerca, aiutandoci anche ad essere creativi e originali, orientando le nostre ipotesi di lavoro.

I testi che condivido sono il frutto di lavoro (passione!) e ricerche e, come avrete notato, sono sempre ricchi di citazioni. Continuo a registrare, con rammarico e una certa perplessità, come tale modo di procedere, che dovrebbe caratterizzare tutta la produzione intellettuale (non soltanto quella scientifica e/o accademica), sia sempre meno praticata e frequente in molti Autori e studiosi.

Dico sempre: il valore della condivisione supera l’amarezza delle tante scorrettezze ricevute in questi anni. Nei contributi che propongo ci sono i concetti, gli studi, gli argomenti di ricerche che conduco da vent’anni: il valore della condivisione diviene anche un rischio, ma occorre essere coerenti con i valori in cui si crede.

 

Buona riflessione!

 

Immagine: opera di R. Magritte, Les Idées Claires